La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • Pagina :
  • 1
  1. Giusi57
  2. Chiedi al medico
  3. Lunedì, 06 Maggio 2019
Buonasera, mi chiamo Giuseppina, ho 61 anni e da 13 anni sono tetraplegica a causa di un incidente stradale. Da circa tre anni non riesco più a vivere bene a causa di una disreflessia autonomica che mi procura forti sbalzi di pressione portandola a valori sopra 200/100 e bassa come 60/40. Sono seguita dell'unità spinale di Perugia che mi ha curato tramite cardiologo e mi consiglia di liberare l'intestino e svuotare la vescica. Che altro posso fare? La mia vita è diventata insostenibile, grazie per l'ascolto e l'aiuto. 
claudia.zanini
Community Manager
Risposta accettata In attesa di moderazione
Gentile Giuseppina,

grazie per il tuo messaggio. Abbiamo tradotto e inoltrato la tua richiesta al nostro medico che provvederà a fornire una risposta. Potrebbe volerci qualche giorno.

Un caro saluto,

Claudia
  1. più di un mese fa
  2. Chiedi al medico
  3. # 1
ANKS
Dr. Online
Risposta accettata In attesa di moderazione
Cara Giuseppina

 

Grazie mille per il tuo messaggio. La disreflessia autonomica è una vera sfida e non c'è una soluzione facile. Si tratta di una conseguenza della paralisi e spesso peggiora nel corso degli anni. I disturbi causati dalla disreflessia autonomica sono estremamente spiacevoli e influenzano negativamente la qualità della vita, ma possono anche mettere a repentaglio la vita in caso di un aumento repentino della pressione arteriosa.

È importante che nelle fasi di ipertensione si cerchi di scoprire se ci sono dei fattori scatenanti a livello del corpo, come per esempio un eccessivo riempimento della vescica o una costipazione. Inoltre, le fasi con pressione arteriosa superiore a 160 mm Hg dovrebbero essere trattate anche con farmaci che abbassano la pressione se durano troppo a lungo. Ci sono anche farmaci che possono essere utilizzati nelle fasi di ipotensione. Si tratta di imparare a gestire bene i fattori scatenanti e i sintomi, e spesso è possibile impostare una terapia adatta alla situazione solo grazie a un soggiorno in ospedale.

Inoltre, si può valutare l’impiego di terapie a sostegno del sistema nervoso autonomo. Queste terapie includono per esempio la fisioterapia, la terapia craniosacrale e l’agopuntura.

In sintesi, è importante ottimizzare la gestione e valutare diverse terapie.

 

Spero che questa risposta possa aiutarti e resto a disposizione per ulteriori domande

ANKS
  1. più di un mese fa
  2. Chiedi al medico
  3. # 2
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte per questo post.
Sii uno dei primi a rispondere a questo post!
Forum
Risposte più recenti
340 SISSI
Crema \ Olio per massaggio alla schiena gambe
Grazie mille per i consigli proverò sicuramente adesso ho preso Xémose ( uriage ) ma proverò sicuramente acnhe quelli che consigliati da...
6 SISSI 31-05-2020
1733 Luciafusco
Scarlett Von Wollenmann... storia di una donna speciale
Thank you...but Scarlett Von Wollenmann is a very special special woman😍
7 Luciafusco 22-01-2020
Buon Natale e felice anno nuovo a tutti
Felice anno nuovo a tutti. Con salute e amore 😘 Carken 
1 carken 01-01-2020
1066 carken
Scattola per pillole (foto)
Hai ragione carken, la differenza a volte sta nei dettagli. Se possibile è sempre meglio vedere e provare a usare il prodotto...
3 claudia.zanini 11-12-2019
Scarlett: la mia battaglia per rinascere
Ciao carissimo/a Lucymail75  Benvenuto/a nella nostra garndiosa Familia della Comunity Paraplegici Online. !  Bello evrti qua.! Grazie...
1 Francescolife 11-12-2019
Chiedi all’esperto
Risposte più recenti

Blog
Blog più recenti
Chef in carrozzine: ecco alcune storie di successi
Anche se la disabilità vuole la sua parte, è l’ambizione a farla da padrone
0
lorenzo.deluigi 15-07-2020 In News
Make to Care, un contest volto all'innovazione
Quale di questi quattro progetti innovativi vi convince di più?
0
kitwan 02-07-2020 In Società
“Il Trono di Spine” delle persone in carrozzina
La lotta per lo spazio personale, la sicurezza e l’indipendenza
0
Wiki
I più letti
Lesioni del midollo spinale e conseguenze
Lesioni causate da infortunio A seguito di una lesione, nei segmenti mobili vi sono vari elementi che reagiscono in modo differenziato: le strutture ossee e le strutture legamentose. Si distinguono tre principali tipi di fratture ossee della...
Dolori cronici
Definizione di dolore Il dolore è una sensazione complessa, assimilabile a una percezione. Il dolore è sempre soggettivo e non è misurabile, dimostrabile o confutabile. Sin dagli anni Settanta L'Associazione internazionale per lo studio del dolore...
Espettorazione e rimozione delle secrezioni
Espettorare le secrezioni è fondamentale al fine di respirare liberamente. La tosse costituisce un riflesso difensivo volto a ripulire le vie aeree, sicché il muco possa essere rimosso ed espulso dal tratto respiratorio. Per tossire è necessaria...

La nostra Community
Temi più recenti
30-07-2020 In Attuali
Giro Suisse - Un evento in handbike per i 40 anni dell'ASP
Sono trascorsi 40 anni dal lontano 27 aprile 1980, data di fondazione dell’Associazione svizzera dei paraplegici (ASP), che si propone di sostenere a vita le persone con una para o tetraplegia....
0
20-07-2020 In Attuali
Telemedicina: un'opportunità?
Telemedicina. Se ne parla da anni. Ma è una realtà in Svizzera? Alcune compagnie di assicurazione offrono da tempo consulenze telefoniche o online, ma cosa succede negli ambulatori medici? Sembra...
0
17-07-2020 In Attuali
Mascherine gratuite per pazienti para/tetraplegici a rischio
Le persone tetraplegiche e le persone paraplegiche anziane o che soffrono di altre malattie sono particolarmente a rischio di complicazioni nel caso si ammalassero di Covid-19. Per questo motivo,...
0

Contatto

Ricerca svizzera per paraplegici
Guido A. Zäch Strasse 4
6207 Nottwil
Svizzera

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
T 0800 727 236 (dalla Svizzera, gratuito)
T +41 41 939 65 55 (da altri paesi, a pagamento)

Diventa parte della Community, iscriviti ora!