• La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

Il dolore: come comunicarlo, come comprenderlo

Autrice del riassunto: Claudia Zanini (Ricerca svizzera per paraplegici)
Articolo originale: Maino P, Zanini C. Il dolore tra medico e paziente, come comunicarlo, come comprenderlo. Rivista per le Medical Humanities. 2013;24(7):16-23.
 

Quando si parla di dolore cronico, la comunicazione gioca un ruolo essenziale, perché per stabilire la diagnosi e proporre una terapia, il medico non può fare a meno della valutazione del paziente, e perché i pazienti danno molta importanza alle competenze comunicative dei medici. È quindi essenziale migliorare la comunicazione e gli strumenti che la facilitano, così da avvicinare il mondo del medico e quello del paziente con dolore cronico.

Qual era lo scopo di questo studio?

Il dolore cronico è un problema in aumento nella società attuale: si stima che in Europa una persona su cinque ne soffra. Malgrado esistano linee guida per il trattamento del dolore e strumenti per la sua misurazione, molti studi mostrano che spesso il paziente con dolore cronico è preso a carico in modo inadeguato. Eppure, trovare una terapia adeguata è importante, perché le conseguenze associate al dolore cronico, quali diminuzione della performance fisica, depressione, ansia e insonnia, hanno un impatto non solo sulla qualità della vita della persona, ma anche sulla loro produttività. Difatti, l'incapacità fisica comporta una perdita economica sul piano lavorativo, e un uso eccessivo dei servizi sul piano sanitario.

Nell'articolo i ricercatori presentano delle riflessioni sulle ragioni dell'inadeguata presa a carico del paziente con dolore, e propongono spunti per migliorare la situazione.

Che metodo hanno usato i ricercatori?

I ricercatori hanno basato il loro studio sui dati presenti nella letteratura scientifica.

Cosa hanno scoperto i ricercatori?

Principali ragioni dell'inadeguata presa a carico dei pazienti con dolore

Ragione culturale: nella nostra società persiste l'idea che il dolore faccia parte della vita. I pazienti, per essere “buoni” pazienti, cercano di essere stoici e, per esempio, si fanno visitare solo quando il dolore diventa insopportabile. Spesso, inoltre, le religioni hanno attribuito al dolore una dimensione spirituale che lo rende quasi desiderabile, il mezzo per avvicinarsi al trascendente. In controtendenza, nell'ultimo decennio diverse associazioni e organizzazioni internazionali hanno affermato che il sollievo dal dolore fa parte dei diritti della persona e i medici sono tenuti a perseguire tale obiettivo.

Ragione istituzionale: le politiche sanitarie che mirano a disciplinare l'uso di sostanze stupefacenti riflettono spesso i pregiudizi presenti nella società e sembrano non distinguere la dipendenza dall'uso terapeutico. Inoltre, alcuni studi affermano che la formazione degli operatori sanitari non rispecchia le più recenti conoscenze scientifiche nell'ambito della presa a carico del dolore.

Ragione pratica: medici e pazienti hanno difficoltà nel comunicare e misurare il dolore. Queste difficoltà sono legate all'impossibilità di sostituire la valutazione del paziente con l'osservazione di parametri fisiologici (non esiste per es. un termometro per misurare il dolore). Affidarsi alle parole del paziente può però essere una sfida per i medici, abituati a valutare la gravità di un problema di salute a partire dall'osservazione di parametri oggettivi.

Suggerimenti per migliorare la presa a carico del paziente con dolore

Utilizzare sistematicamente gli strumenti per la misurazione del dolore: esistono diversi strumenti per quantificare il dolore del paziente. Uno fra tutti, la scala numerica verbale del dolore, in cui il paziente indica qual è il suo livello di dolore apponendo una crocetta sul numero (tra 0 = nessun dolore e 10 = il dolore più forte che si possa immaginare) che meglio corrisponde al suo sentire. Alcuni studi hanno evidenziato come in Europa solo pochi medici utilizzino queste “scale”. Nella maggior parte dei casi la valutazione del dolore avviene tramite un'autovalutazione del paziente o una valutazione del medico basata sull'osservazione di parametri fisiologici.

Scala numerica verbale del dolore (Fonte: retedolore.it, SICS Editore S.r.l.)

Invitare il paziente a descrivere il suo dolore: tenendo conto che la valutazione del dolore avviene per lo più sulla base della percezione che il paziente ha di questo dolore, è importante che gli operatori sanitari incoraggino i pazienti a esprimersi, spiegando che la loro valutazione è utile per scegliere la terapia più adeguata.

Rivedere alcune politiche sanitarie: le politiche sanitarie attualmente in vigore ostacolano l'applicazione delle raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, che prevedono la somministrazione di oppioidi per il trattamento del dolore cronico moderato o forte. Queste leggi potrebbero essere riviste così da permettere l'uso terapeutico degli oppioidi.

Qual è il significato di questi risultati?

Quando si parla di dolore cronico, la comunicazione gioca un ruolo essenziale per due ragioni principali. La prima è legata al fatto che la misurazione del dolore passa attraverso la comunicazione: per stabilire la diagnosi e proporre una terapia, il medico non può fare a meno della valutazione del paziente. La seconda ragione è legata all'importanza che i pazienti danno alle competenze comunicative dei medici. È fondamentale che queste vengano sistematicamente sviluppate durante la formazione dei medici così da creare uno spazio di accoglienza per il paziente e il suo dolore. La comunicazione e gli strumenti che la facilitano diventano quindi il mezzo per avvicinare il mondo del medico e quello del paziente con dolore cronico.

Comunicazione tra medico et paziente (Fonte: ePharma Summit blog)

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Valuta questo post

Forum
Risposte più recenti
331 SISSI
Crema \ Olio per massaggio alla schiena gambe
Grazie mille per i consigli proverò sicuramente adesso ho preso Xémose ( uriage ) ma proverò sicuramente acnhe quelli che consigliati da...
6 SISSI 31-05-2020
1715 Luciafusco
Scarlett Von Wollenmann... storia di una donna speciale
Thank you...but Scarlett Von Wollenmann is a very special special woman😍
7 Luciafusco 22-01-2020
Buon Natale e felice anno nuovo a tutti
Felice anno nuovo a tutti. Con salute e amore 😘 Carken 
1 carken 01-01-2020
1052 carken
Scattola per pillole (foto)
Hai ragione carken, la differenza a volte sta nei dettagli. Se possibile è sempre meglio vedere e provare a usare il prodotto...
3 claudia.zanini 11-12-2019
Scarlett: la mia battaglia per rinascere
Ciao carissimo/a Lucymail75  Benvenuto/a nella nostra garndiosa Familia della Comunity Paraplegici Online. !  Bello evrti qua.! Grazie...
1 Francescolife 11-12-2019
Chiedi all’esperto
Risposte più recenti

Blog
Blog più recenti
Chef in carrozzine: ecco alcune storie di successi
Anche se la disabilità vuole la sua parte, è l’ambizione a farla da padrone
0
lorenzo.deluigi 15-07-2020 In News
Make to Care, un contest volto all'innovazione
Quale di questi quattro progetti innovativi vi convince di più?
0
kitwan 02-07-2020 In Società
“Il Trono di Spine” delle persone in carrozzina
La lotta per lo spazio personale, la sicurezza e l’indipendenza
0
Wiki
I più letti
Lesioni del midollo spinale e conseguenze
Lesioni causate da infortunio A seguito di una lesione, nei segmenti mobili vi sono vari elementi che reagiscono in modo differenziato: le strutture ossee e le strutture legamentose. Si distinguono tre principali tipi di fratture ossee della...
Dolori cronici
Definizione di dolore Il dolore è una sensazione complessa, assimilabile a una percezione. Il dolore è sempre soggettivo e non è misurabile, dimostrabile o confutabile. Sin dagli anni Settanta L'Associazione internazionale per lo studio del dolore...
Espettorazione e rimozione delle secrezioni
Espettorare le secrezioni è fondamentale al fine di respirare liberamente. La tosse costituisce un riflesso difensivo volto a ripulire le vie aeree, sicché il muco possa essere rimosso ed espulso dal tratto respiratorio. Per tossire è necessaria...

La nostra Community
Temi più recenti
30-07-2020 In Attuali
Giro Suisse - Un evento in handbike per i 40 anni dell'ASP
Sono trascorsi 40 anni dal lontano 27 aprile 1980, data di fondazione dell’Associazione svizzera dei paraplegici (ASP), che si propone di sostenere a vita le persone con una para o tetraplegia....
0
20-07-2020 In Attuali
Telemedicina: un'opportunità?
Telemedicina. Se ne parla da anni. Ma è una realtà in Svizzera? Alcune compagnie di assicurazione offrono da tempo consulenze telefoniche o online, ma cosa succede negli ambulatori medici? Sembra...
0
17-07-2020 In Attuali
Mascherine gratuite per pazienti para/tetraplegici a rischio
Le persone tetraplegiche e le persone paraplegiche anziane o che soffrono di altre malattie sono particolarmente a rischio di complicazioni nel caso si ammalassero di Covid-19. Per questo motivo,...
0

Contatto

Ricerca svizzera per paraplegici
Guido A. Zäch Strasse 4
6207 Nottwil
Svizzera

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
T 0800 727 236 (dalla Svizzera, gratuito)
T +41 41 939 65 55 (da altri paesi, a pagamento)

Diventa parte della Community, iscriviti ora!