• La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

La similitudine della fotografia

Sono sempre stata un'amante della fotografia. Mi piace osservare, immaginare e ritagliare parte della realtà in un solo scatto. Per me, si tratta di un esercizio quotidiano, ereditato da mio padre e coltivato nel corso degli anni. Da bambina, era per me come un gioco, più fotografavo e più volevo fotografare. Le mie fotografie portavano con sé il profumo delle rose del balcone di mia nonna e le emozioni della gente.


Fotografia è sensibilità, è un esercizio di noi stessi nel rapportarci alla realtà. Quest’apertura è una visione-oltre-visione.
Il talento fotografico può essere visto come il prodotto dell’habitus, l'esercizio di cui forse parlava Aristotele, quello che si può cogliere solo nell'esercizio delle virtù, o forse esso, così come Epicuro affermava nei suoi scritti, è qualcosa che prescinde dal tempo dedicatogli; esso, al pari della felicità, può essere raggiunto in ogni momento.

Non so quale delle due posizioni rispecchi meglio la mia esperienza, ma senza dubbio, l'insegnamento che la fotografia mi ha portato è degno di essere citato in questo blog…

Avevo vent' anni, ero al secondo anno di filosofia e facevo parte di un’associazione ONLUS che si occupava di adozioni internazionali. Le normative regionali offrivano corsi ai volontari per qualificare al meglio i propri team. Scelsi di partecipare ad un corso di fotografia digitale insieme ad un'altra collega. Il corso durò sei mesi, ed era ogni sabato mattina.
Non si trattava di un tradizionale corso di fotografia, o meglio, di tecniche fotografiche. Si trattava piuttosto di un corso di sensibilizzazione attraverso l'occhio fotografico.

Primo giorno. Gli insegnanti, portarono me e altri colleghi in un vicolo alberato del quartiere Cirenaica di Bologna e ci dissero: "Ora fotografate tutti le forme geometriche che si trovano qui!” Il mio stupore, misto ad un pizzico di cinismo mi portarono ad l'esclamare: "Ma qui ci sono solo macchine parcheggiate, un marciapiede e alcuni alberi ingialliti… Io non trovo le forme!". Beh, nella prima ora scattai poco più di 15 foto, mentre dopo un'ora, vedevo quadrati, cerchi e triangoli moltiplicarsi intorno a me!

Secondo giorno. L'esercizio consisteva nella fiducia sull’altro. Fummo divisi in gruppi di tre, solo una persona per volta veniva bendata, mentre le altre due offrivano supporto fisico (ci prendevamo a braccetto) e guida descrittiva su ciò che stava accadendo fuori. Parrebbe un gioco alquanto frivolo, ma quando lo facemmo, in uno dei quartieri più popolati della città, nell'ora in cui il traffico raggiunge picchi estremi, la percezione cambia radicalmente. Si avverte il timore, a volta l'impotenza, e l'unica cosa che si può fare in quel momento è affidarsi al proprio compagno.

Terzo giorno. Gli insegnanti ci dissero: "Ora dovete andare a fotografare bendati!". Fummo divisi in gruppi di due, e il nostro compagno doveva solo assisterci affinché non commettessimo atti maldestri o potenzialmente pericolosi. Ancora una volta, ci fecero scegliere una parte della città dove fotografare. Scegliemmo Le vecchie pescherie, uno dei quartieri più antichi e interessanti di Bologna. Vicoletti pieni di piccole botteghe artigiane che vendono generi alimentari. Fui bendata e mi fu data la macchina fotografica. Iniziai a scattare foto, ma sentivo il mio corpo limitato. Non vedevo cosa stessi fotografando, ma al contempo sentivo gli occhi dei passanti su di me. Ci volle qualche ora per liberarmi della mia convinzione che ci volessero occhi per fotografare. Quando finalmente mi disinibii, mi resi conto che gli scatti uscivano soli, con l'ascolto delle voci dei commercianti, il rumore dei tacchi a spillo sui sanpietrini, e il profumo della frutta.

Alla fine del corso, presentammo tutte le fotografie scattate da quando il corso ebbe inizio. Le mie foto, così come quelle di tutti gli altri erano cambiate nel corso del programma.
Forme geometriche erano ovunque, ogni cosa era ispirazione, e le foto scattate da bendati erano quelle più belle. Non si trattava di fotografie cieche, bensì di foto che portavano con sé il contributo di tutti gli altri sensi.

Io ritrovo nell'esempio della fotografia una similitudine per la condizione della para-tetraplegia.

La mia riflessione si dirige specialmente a coloro che, non vivendo personalmente la paraplegia, considerano essa una condizione molto più limitante di quanto non lo sia realmente.
Certamente, la paraplegia richiede un differente modo di pensare alla quotidianità, in cui ci si trova spesso a confrontare con realtà in cui alcune difficoltà e necessità sono più marcate. Tuttavia, non c’è bisogno di avere occhi per fotografare, così come non è indispensabile l’uso degli arti per sciare, lavorare o avere una famiglia. L'essenza della vita è altro dalle difficoltà tecniche.

Cristiana

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Valuta questo post

Forum
Risposte più recenti
331 SISSI
Crema \ Olio per massaggio alla schiena gambe
Grazie mille per i consigli proverò sicuramente adesso ho preso Xémose ( uriage ) ma proverò sicuramente acnhe quelli che consigliati da...
6 SISSI 31-05-2020
1715 Luciafusco
Scarlett Von Wollenmann... storia di una donna speciale
Thank you...but Scarlett Von Wollenmann is a very special special woman😍
7 Luciafusco 22-01-2020
Buon Natale e felice anno nuovo a tutti
Felice anno nuovo a tutti. Con salute e amore 😘 Carken 
1 carken 01-01-2020
1052 carken
Scattola per pillole (foto)
Hai ragione carken, la differenza a volte sta nei dettagli. Se possibile è sempre meglio vedere e provare a usare il prodotto...
3 claudia.zanini 11-12-2019
Scarlett: la mia battaglia per rinascere
Ciao carissimo/a Lucymail75  Benvenuto/a nella nostra garndiosa Familia della Comunity Paraplegici Online. !  Bello evrti qua.! Grazie...
1 Francescolife 11-12-2019
Chiedi all’esperto
Risposte più recenti

Blog
Blog più recenti
Chef in carrozzine: ecco alcune storie di successi
Anche se la disabilità vuole la sua parte, è l’ambizione a farla da padrone
0
lorenzo.deluigi 15-07-2020 In News
Make to Care, un contest volto all'innovazione
Quale di questi quattro progetti innovativi vi convince di più?
0
kitwan 02-07-2020 In Società
“Il Trono di Spine” delle persone in carrozzina
La lotta per lo spazio personale, la sicurezza e l’indipendenza
0
Wiki
I più letti
Lesioni del midollo spinale e conseguenze
Lesioni causate da infortunio A seguito di una lesione, nei segmenti mobili vi sono vari elementi che reagiscono in modo differenziato: le strutture ossee e le strutture legamentose. Si distinguono tre principali tipi di fratture ossee della...
Dolori cronici
Definizione di dolore Il dolore è una sensazione complessa, assimilabile a una percezione. Il dolore è sempre soggettivo e non è misurabile, dimostrabile o confutabile. Sin dagli anni Settanta L'Associazione internazionale per lo studio del dolore...
Espettorazione e rimozione delle secrezioni
Espettorare le secrezioni è fondamentale al fine di respirare liberamente. La tosse costituisce un riflesso difensivo volto a ripulire le vie aeree, sicché il muco possa essere rimosso ed espulso dal tratto respiratorio. Per tossire è necessaria...

La nostra Community
Temi più recenti
30-07-2020 In Attuali
Giro Suisse - Un evento in handbike per i 40 anni dell'ASP
Sono trascorsi 40 anni dal lontano 27 aprile 1980, data di fondazione dell’Associazione svizzera dei paraplegici (ASP), che si propone di sostenere a vita le persone con una para o tetraplegia....
0
20-07-2020 In Attuali
Telemedicina: un'opportunità?
Telemedicina. Se ne parla da anni. Ma è una realtà in Svizzera? Alcune compagnie di assicurazione offrono da tempo consulenze telefoniche o online, ma cosa succede negli ambulatori medici? Sembra...
0
17-07-2020 In Attuali
Mascherine gratuite per pazienti para/tetraplegici a rischio
Le persone tetraplegiche e le persone paraplegiche anziane o che soffrono di altre malattie sono particolarmente a rischio di complicazioni nel caso si ammalassero di Covid-19. Per questo motivo,...
0

Contatto

Ricerca svizzera per paraplegici
Guido A. Zäch Strasse 4
6207 Nottwil
Svizzera

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
T 0800 727 236 (dalla Svizzera, gratuito)
T +41 41 939 65 55 (da altri paesi, a pagamento)

Diventa parte della Community, iscriviti ora!