• La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

Carrozzine da innovazione o da scherzo?

  • kitwan
  • News
Carrozzine da innovazione o da scherzo?

In entrambi i casi, il design inclusivo è tutto fuorché una barzelletta

Un po’ di tempo fa mi sono imbattuta in un thread su Twitter pubblicato dall’utente in carrozzina “Plant Queer”. Il suo tweet iniziava con “Odio così tanto i bipedi che progettano carrozzine…”, e proseguiva con una carrellata di foto di carrozzine e ausili per la mobilità che a sua detta erano un vero e proprio incubo. Qui ve ne proponiamo qualche esempio:

Carrozzine

Non sembra proprio che questa carrozzina sia particolarmente comoda. (Fonte: Twitter@LeafyQueerCrip)

Carrozzine

Questo ingombrante “Wheelchair Helper” vi ricorda per caso il Wheelchair Buddy di cui abbiamo già parlato in precedenza? (Fonte: Twitter@LeafyQueerCrip)

Carrozzine

Plant Queer descrive questa specie di scooter come “l’ausilio per la mobilità più scomodo che io abbia mai visto”. (Fonte: Twitter@LeafyQueerCrip)

Quando ho visto le foto per la prima volta, non ho potuto che essere d’accordo con Plant Queer: queste carrozzine e ausili dall’aspetto futuristico sembravano davvero ridicoli e poco pratici.

Eppure la saggezza popolare afferma che “l’abito non fa il monaco”. Così, ho cercato la fonte originale dei prodotti twittati per capire meglio il loro design e le funzioni che offrivano.

Innovazioni dal passato

La prima scoperta interessante che feci fu che queste carrozzine e ausili dal look futuristico non erano così nuovi come pensavo. Alcuni di questi infatti erano stati progettati tempo prima o erano disponibili sul mercato già da anni. Ne è un esempio il modello i-REAL della Toyota, che fu presentato durante un motor show nel 2007 e fece la propria apparizione addirittura in Top Gear, il famoso programma televisivo del Regno Unito dedicato ai motori!

Questo dispositivo potrebbe facilmente passare per una carrozzina elettrica. Plant Queer non risparmia commenti su quanto sia ingombrante i-REAL: “spero che oggi non abbiate in programma di passare da qualche porta”. E no, guidarla all’interno di edifici potrebbe non essere la migliore delle idee, perché non si tratta di una carrozzina, bensì di un veicolo a propulsione elettrica che può essere guidato su strada e raggiungere una velocità di 30 km/h.

Prospettive divergenti sulle carrozzine

Mentre avanzavo nella mia investigazione, ho scoperto che molte delle carrozzine dall’aspetto bizzarro presenti nei tweet di Plant Queer erano in realtà state progettate con considerevole lungimiranza. Ad esempio, alcune di queste sono costruite con materiali leggeri, durevoli e di supporto come il poliuretano, che permettono di modificare gli ausili per la mobilità quali ruote e altre parti. Queste accortezze consentono alle persone che le usano di superare barriere ambientali come per esempio le scale.

Altri prodotti dedicati alle persone con disabilità potrebbero essere difficili da immaginare e da capire senza prima provarli. Ad esempio, la carrozzina qui sotto ha vinto l’iF Student Design Award 2015. Grazie al suo design questo dispositivo permette alle persone paralizzate dalla vita in giù di trasferirsi dal letto alla carrozzina in piena autonomia, semplicemente scivolando.

Carrozzine iF Student Design Award

Mi chiedo come qualcuno possa spostarsi autonomamente in senso contrario, ovvero dalla carrozzina al letto. (Fonte: www.pinterest.com)

Plant Queer non riesce a immaginare come si possa usare questa carrozzina per andare in salita o impennare senza perdere l’equilibrio o cadere all’indietro. Una considerazione che va in senso opposto alle motivazioni espresse dalla giuria, che dichiarò che si trattava di “una carrozzina dedicata alle generazioni più giovani, intesa a creare un senso di libertà e a incentivare la mobilità. L’idea è innovativa e serve il suo fine”.

Infine, Plant Queer ha commentato il seguente prodotto, grazie al quale “potrete mimetizzarvi con l’arredamento… cosa di cui, francamente, non sentivamo il bisogno visto che già ci sentiamo così”.

Carrozzine

Questa sedia è in realtà una carrozzina motorizzata progettata per l’utilizzo in casa. (Fonte: www.coroflot.com)

Quando il design inclusivo fa fiasco

Dunque, perché sentirsi insoddisfatti e delusi se sappiamo che i progettisti avevano a cuore l’accessibilità e l’inclusione per i loro design? In un'intervista, Kat Holmes ha spiegato cosa è andato storto nel design inclusivo. Holmes è direttrice della User Experience per Google Ads. In precedenza ha lavorato presso Microsoft per sette anni, dove ha diretto il programma per l’innovazione inclusiva dei prodotti. Secondo lei

“pensare al design inclusivo in termini di risultati e di oggetti rende l’impresa più difficile. Il design inclusivo è infatti un processo, non un esito”.

Holmes ha affermato che è fondamentale includere le comunità escluse nel processo di progettazione, invece di limitarsi a pubblicizzare loro il prodotto finale. I design inclusivi possono infatti rivelarsi ridicoli quando sono creati da progettisti che non hanno alcuna familiarità con le barriere che i loro prodotti cercano di superare. Coinvolgere le persone con disabilità nella fase di progettazione farebbe infatti la differenza.

Trarre ispirazione dalla comunità delle persone disabili

Una prova del successo di questo approccio è la Morph Wheel, per quanto Plant Queer ritiene sia scomoda a giudicare dal suo aspetto.

Carrozzine Morph Wheel

Una carrozzina progettata con le prime ruote pieghevoli per carrozzine al mondo: le Morph Wheels. (Fonte: Twitter@LeafyQueerCrip)

Il designer Duncan Fitzsimons ha inventato la Morph Wheel mentre studiava alla Royal College of Art di Londra. Originariamente aveva progettato questa ruota per biciclette pieghevoli, e non si rese conto del fatto che la sua invenzione potesse essere applicata alle carrozzine fino a quando non fu avvicinato da diverse persone disabili che ne hanno chiesto la fattibilità.

Grazie al sostegno di esperti di diverse discipline, di cui alcuni anche appartenenti alla comunità delle persone disabili, Fitzsimons inventò la Morph Wheel: la prima carrozzina al mondo dotata di ruote pieghevoli. Il design arrivò tra i finalisti del Saatchi & Saatchi Award for World Changing Ideas nel 2008. Oggi queste ruote continuano a essere ampiamente utilizzate nelle carrozzine in virtù del loro design compatto e del loro grado di portabilità per i viaggi in macchina e in aereo.

Che esperienze avete con il design inclusivo? Qual è il design più bizzarro o, al contrario, più utile in cui vi siete finora imbattuti?

Valuta questo post

Comments (0)

There are no comments posted here yet
Forum
Risposte più recenti
58 SISSI
Crema \ Olio per massaggio alla schiena gambe
Grazie mille per i consigli proverò sicuramente adesso ho preso Xémose ( uriage ) ma proverò sicuramente acnhe quelli che consigliati da...
6 SISSI 31-05-2020
1306 Luciafusco
Scarlett Von Wollenmann... storia di una donna speciale
Thank you...but Scarlett Von Wollenmann is a very special special woman😍
7 Luciafusco 22-01-2020
Buon Natale e felice anno nuovo a tutti
Felice anno nuovo a tutti. Con salute e amore 😘 Carken 
1 carken 01-01-2020
793 carken
Scattola per pillole (foto)
Hai ragione carken, la differenza a volte sta nei dettagli. Se possibile è sempre meglio vedere e provare a usare il prodotto...
3 claudia.zanini 11-12-2019
Scarlett: la mia battaglia per rinascere
Ciao carissimo/a Lucymail75  Benvenuto/a nella nostra garndiosa Familia della Comunity Paraplegici Online. !  Bello evrti qua.! Grazie...
1 Francescolife 11-12-2019
Chiedi all’esperto
Risposte più recenti

Blog
Blog più recenti
kitwan 11-05-2020 In Società
Perché l’inclusione delle disabilità è importante per le aziende
Riconoscere il valore della minoranza più grande al mondo
0
Simea_ 23-05-2020 In Scienza
Terapia acquatica
Quali sono i suoi benefici per le persone con paralisi spinale?
0
Il biglietto da visita estroverso per la carrozzina
I copriruota per carrozzine che fanno nascere conversazioni e connessioni
0
Wiki
I più letti
Espettorazione e rimozione delle secrezioni
Espettorare le secrezioni è fondamentale al fine di respirare liberamente. La tosse costituisce un riflesso difensivo volto a ripulire le vie aeree, sicché il muco possa essere rimosso ed espulso dal tratto respiratorio. Per tossire è necessaria...
Dolori cronici
Definizione di dolore Il dolore è una sensazione complessa, assimilabile a una percezione. Il dolore è sempre soggettivo e non è misurabile, dimostrabile o confutabile. Sin dagli anni Settanta L'Associazione internazionale per lo studio del dolore...
Lesioni del midollo spinale e conseguenze
Lesioni causate da infortunio A seguito di una lesione, nei segmenti mobili vi sono vari elementi che reagiscono in modo differenziato: le strutture ossee e le strutture legamentose. Si distinguono tre principali tipi di fratture ossee della...

La nostra Community
Temi più recenti
13-05-2020 In Attuali
Nuove conoscenze in medicina
Nel nostro Vademecum per l'informazione abbiamo parlato di scienza e abbiamo proposto alcune riflessioni per rispondere alla domanda: la scienza si contraddice? Sul tema della scienza e della...
0
27-05-2020 In Attuali
Quando la polemica precede l'ascolto
Oggi vi proponiamo una breve riflessione di Sara Rubinelli sulla comunicazione e sull'importanza dell'ascolto. Sara Rubinelli è professoressa di comunicazione al dipartimento di Scienze della salute...
0
19-05-2020 In Attuali
«Crip Camp»:il documentario sulla Woodstock per persone disabili che fu...
Il documentario "Crip Camp: A Disability Revolution" (disponibile su Netflix ) racconta di Camp Jened, un campo estivo per giovani disabili, che è stato l'inizio di una rivoluzione. Le immagini...
0

Contatto

Ricerca svizzera per paraplegici
Guido A. Zäch Strasse 4
6207 Nottwil
Svizzera

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
T 0800 727 236 (dalla Svizzera, gratuito)
T +41 41 939 65 55 (da altri paesi, a pagamento)

Diventa parte della Community, iscriviti ora!