Per Manuela Schär lo sport veniva sempre prima di tutto. Poi ha trovato spazio nella sua vita per un cane e ha avuto ancora più successo. Una storia d'amore

Chiunque si interessi un minimo di sport, conosce probabilmente Manuela Schär. Nel 2019 l’atleta ha vinto tutte le medaglie possibili nelle maratone degli sport in carrozzina: quella di Tokyo, Boston, Londra, Berlino, Chicago e infine la maratona di New York, nonché il record mondiale sugli 800 metri.

«Il mio allenatore Claudio Perret dice sempre che è grazie a Lui che ho avuto così tanti buoni risultati», rivela Manuela e ride. Lui è un Boston Terrier di quattro anni che la 37enne ha adottato nel 2018.

Pur essendo cresciuta con un Golden retriever da bambina, per lungo tempo avere un proprio cane non è stato un tema all’ordine del giorno per un’atleta professionista come lei. «A un certo punto ho sentito che con tutto l’allenamento e l’attenzione che dedicavo alle prestazioni e al successo, il mio lato morbido si stava atrofizzando. Così ho avuto un’illuminazione: avevo bisogno di un balsamo per il cuore!»

Manuela Schär sdraiata con Lui accoccolato sul suo braccio.

Al settimo cielo: Manuela e Lui si coccolano. (Fonte: Manuela Schär/zVg)

I primi rifiuti dai rifugi per animali

Soppesando tutte le variabili, Manuela ha fatto le dovute ricerche e si è assicurata che i suoi genitori potessero badare al cane mentre lei correva in giro per il mondo. Ha cercato un cane adatto sulle piattaforme di collocamento dei rifugi per animali. Stava cercando un compagno a quattro zampe sportivo, non troppo grande, di buona indole. Ma le reazioni dei rifugi per animali alle sue richieste erano scoraggianti: secondo loro, non era realistico che lei, in quanto persona in carrozzina, potesse entrare in sintonia con un cane della protezione animali. Questi animali sono troppo imprevedibili.

Ha poi iniziato a cercare presso gli allevatori di Boston Terrier, mettendosi in lista d’attesa. Quando finalmente una delle sedi annunciò una cucciolata, Manuela guidò fino all’Oberland Bernese, visitò a più riprese i cuccioli e impressionò l'allevatore con le sue conoscenze su questa razza e sull’allevamento.

«In realtà, stavo cercando una femmina. Poi questo piccolo cucciolo con le macchie bianche sulle orecchie si è sdraiato tra la ruota grande e la ruota anteriore vicino al poggiapiedi della mia carrozzina, si è addormentato lì e non ho più avuto bisogno di conferme - era amore a prima vista!»

Il potere rigenerativo di Lui

All’età di dieci settimane, Lui si trasferì con Manuela a Kriens. L’atleta ha perso diversi chili nelle prime settimane dopo il suo arrivo. «Non avevo quasi mai il tempo di tornare a pranzare ed ero spesso fuori perché il piccolo doveva sempre fare i bisogni». Il cucciolo irriverente la teneva sempre sull’attenti. In ogni caso, Lui è il cane perfetto per lei, dice Manuela. «Non devo mai portarlo al guinzaglio, perché sta sempre vicino a me».

Lui azzanna una pallina gialla con il guinzaglio che Manuela Schär tiene durante la passeggiata.

Lui si dà da fare durante la passeggiata per reclamare il suo giocattolo preferito. (Fonte: Susanne Zürcher)

L’atleta porta sempre Lui con sé agli allenamenti quotidiani a Nottwil sulla pista o nella sala pesi. Lì, l’amico a quattro zampe si rilassa nella sua cesta e la sua padrona si può concentrare interamente sullo sport. Tra una sessione di allenamento e l'altra, le piace molto usare consapevolmente il tempo precedentemente “improduttivo” con il suo cane per rigenerarsi. «Quando vado a passeggiare con Lui, non parlo al telefono o ascolto podcast, ma cerco solo di essere nel presente».

Manuela Schär nella sala d’allenamento con Lui seduto sulle sue ginocchia.

Tra un allenamento e l’altro, Lui aiuta Manuela a rigenerarsi. (Quelle: Manuela Schär/zVg)

Un cane non fa la differenza

Non è a volte difficile per Manuela, come persona in carrozzina, occuparsi dei bisogni che Lui lascia durante le passeggiate? Manuela ci pensa. Non proprio, pensa lei. Alcune volte, a causa del terreno irregolare, ha rischiato di cadere mentre cercava di raccogliere gli escrementi del cane. A parte questi episodi, tuttavia, non è mai stato un problema.

Ciò che invece Manuela trova costantemente impegnativo nella sua vita quotidiana lo descrive con il termine “abilismo subdolo” (abilismo = svalutazione o discriminazione delle persone con disabilità). Ci racconta di una passeggiata nella foresta con Lui, durante la quale ha incontrato due donne con i loro cani. Secondo una regola non scritta, bisogna tenere al guinzaglio il proprio animale quando si incontrano altri cani e proprietari di cani. Così, Manuela chiamò Lui e lo mise al guinzaglio. Si erano già lasciati le due donne alle spalle quando una di loro la chiamò e la lodò per aver messo Lui al guinzaglio. Il fatto che il cane segua alla lettera una persona in carrozzina deve averla sorpresa, pensa Manuela. È perplessa per questi svilimenti nei confronti delle persone con disabilità, che sono spesso travestiti da complimenti.

«Quando Lui è entrato nella mia vita, ho sperimentato cosa significa la fiducia incondizionata. Perché i cani non hanno pregiudizi, per loro sei la loro padrona o il loro padrone, che tu sia su una carrozzina oppure no!»

Manuela Schär è sdraiata sul divano, mentre il cane Lui dorme su di lei.

Lui e Manuela si rilassano insieme sul divano. (Fonte: Manuela Schär/zVg)

Lui ama Manuela così com’è. Anche voi avete occasioni di vivere un affetto senza pregiudizi?

Commenti (1)

This comment was minimized by the moderator on the site

Trovare il cane ideale non è facile. Mi sono sempre chiesta se vi fosse una razza più idonea rispetto alle altre ma di una stazza piccola.

Non ci sono ancora commenti.
Sii il primo a commentare!

Valuta questo post