Sono conosciute, di successo, rappresentano una fonte d’ispirazione – e sono in carrozzina.

Ancora oggi le persone in carrozzina vengono spesso percepite come vulnerabili e dipendenti da aiuti esterni, incapaci di raggiungere alcun successo professionale o personale. Sappiamo ovviamente tutti che non è così: il mondo è pieno di individui in carrozzina che hanno saputo distinguersi per il proprio talento, la propria perseveranza e i propri successi.

In questo post condividiamo alcune delle loro storie. Forse i protagonisti non saranno delle superstar, ma sono sicuramente individui che hanno dimostrato che le persone in carrozzina possono essere più forti e raccogliere più successi di tante persone senza disabilità.

Nota bene: la presente selezione rappresenta una scelta soggettiva, che rispecchia il punto di vista personale dell’autore.

Sue Austin

Sue Austin è un’artista britannica attiva nelle arti multimediali, performative e d’installazione. Sue vanta un curriculum artistico di tutto rispetto. Ha iniziato a usare la carrozzina all’età di 31 anni, a causa di una prolungata malattia che limitava la sua mobilità. Sue usa un’innovativa carrozzina subacquea per creare opere d’arte e rimodellare la percezione predominante sull’utilizzo di tale ausilio. La sua opera, chiamata “Creating the Spectacle!” (IT: Sia creato lo spettacolo!), è stata vista e apprezzata da più di 150 milioni di persone.

Sue Austin: Creating the Spectacle! – Part 1 (IT: Creare lo spettacolo! – parte 1)

John Hockenberry

John Hockenberry è un giornalista e autore americano, vincitore di numerosi premi. John è rimasto paralizzato in seguito a un incidente stradale nel 1976, mentre faceva autostop presso l’autostrada Pennsylvania Turnpike.

Hockenberry vanta una carriera straordinaria. Lavora come giornalista in tutto il mondo su un ampio ventaglio di temi e collabora con testate rinomate quali il New York Times, il Washington Post e Harper's Magazine. Ha anche lavorato come presentatore e moderatore presso molte conferenze in tutto il mondo, ivi inclusa la famosa TED conference, il World Science Festival a New York e Brisbane, il Mayo Clinic’s Transform Symposium e l’Aspen Comedy Festival.

Potete guardare la sua appassionante presentazione alla conferenza TED qui:

John Hockenberry: We are all designers (IT: Siamo tutti designer)

Santina Muha

Santina Muha è una scrittrice, attrice e comica americana che vive e lavora a Los Angeles. Nel 2009 ha vinto il premio di Ms. Wheelchair New Jersey (IT: Miss New Jersey in carrozzina). Muha è diventata paraplegica all’età di cinque anni, a seguito di un incidente stradale. Oggi Santina tiene presentazioni avvincenti su un’ampia gamma di temi, e non ha paura di affrontare tabù o parlare di sesso, incontri o di come ci si sente a essere una donna in carrozzina.

Secondo me, personalità come Muha sono di grande ispirazione per tutti, soprattutto per coloro che non sono mai soddisfatti del proprio aspetto fisico. Piuttosto che mirare costantemente alla perfezione, Muha sa apprezzare la bellezza delle imperfezioni. Nel documentario “Defining Beauty: Ms. Wheelchair America” (IT: Definire la bellezza: Miss America in carrozzina) si può vedere quanto lei sia lontana dallo stereotipo della Miss.

Ecco uno dei video più visti di Muha:

Santina Muha: Wheelchair Dating Questions You’re Too Afraid To Ask (IT: Uscire con una persona in carrozzina – le domande che non avete mai osato chiedere)

Hunter Pochop

Hunter Pochop nello skatepark con la sua speciale carrozzina

Hunter Pochop è un ragazzino di 13 anni della California che convive con la spina bifida. Hunter è sempre felice e di indole entusiasta e rifiuta di essere chiamato disabile o andicappato, perché non si sente tale. Tra le attività preferite di Pochop rientrano i giri nello skatepark a bordo della sua carrozzina WCMX, surfare, giocare a pallacanestro in carrozzina, nonché uscire con gli amici. Nel 2016, Pochop ha partecipato al Campionato mondiale WCMX in Texas, aggiudicandosi il primo posto nella categoria dei debuttanti.

Pochop è un “kindness ambassador” (IT: ambasciatore della bontà) per la Peach’s Neet Feet (PNF), una piattaforma che mira a disseminare il valore della bontà nelle rispettive comunità e tra le persone vicine. PNF è un’organizzazione senza scopo di lucro volta a “fornire modi tangibili per essere compassionevole, e ispirare altri ad abbracciare gesti di bontà”. Tra le attività prestate figura, ad esempio, la creazione di scarpe con decorazioni personalizzate per bambini che convivono con patologie potenzialmente letali o disabilità permanente. Le scarpe sono dipinte con frasi e oggetti cari al singolo bambino. Anche Pochop, in veste di ambasciatore, ha ricevuto dal fondatore di PNF un paio di scarpe personalizzate che riportano il suo epiteto “The Unstoppable Porkchop” (letteralmente: L’inarrestabile cotoletta di maiale).

Heidi Herkes

Heidi Herkes (sinistra) in uno studio di bellezza

Heidi Herkes incarna una storia di successo di particolare rilevanza per le persone che lavorano nell’industria della bellezza. Originaria di Londra, Heidi era titolare di un’azienda di bellezza per spose e viaggiava spesso per dare il ritocco finale a molte future spose in tutto il mondo. Nel 2014 Herkes è rimasta paralizzata a seguito di una caduta dalle scale.

La sua nuova vita ha portato con sé molte sfide, soprattutto per il suo percorso professionale: Heidi non è infatti più in grado di usare le sue mani come prima dell’incidente. “Ho dovuto reinventare completamente il mio approccio alla vita e al lavoro”, affermò in un’intervista, “la fiducia in me stessa e la mia autostima si trovavano a un punto morto.”

Dopo due anni, tuttavia, Herkes si è rimessa in carreggiata lanciando una nuova attività. Oggi è probabilmente l’unica consulente d’immagine con lesione midollare al mondo e offre consulenza professionale a tutti, che si tratti di persone con o senza disabilità.

Come affermato nell’introduzione, si tratta di una lista soggettiva di personalità straordinarie, che non pretende essere esaustiva.

Chi aggiungereste alla lista? Fateci sapere quali sono le persone che considerate importanti o che vi hanno colpito in modo particolare!

[traduzione del post originale in inglese]

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Valuta questo post