• La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

  • La Community online per persone con una lesione midollare, i loro familiari e amici

Cantare insieme!

Che influenza esercita la terapia musicale di gruppo sulle persone con tetraplegia?

Autrice del sommario: Jelena Obrenovic (Ricerca svizzera per paraplegici)

Articolo originale: Tamplin J, Baker FA, Grocke D, Berlowitz DJ. Thematic Analysis of the Experience of Group Music Therapy for People with Chronic Quadriplegia. Topics in Spinal Cord Injury Rehabilitation. 2014;20(3):236-47. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4257149/

Le persone tetraplegiche sono più inclini a soffrire di isolamento sociale e depressione. Il presente studio ha dimostrato che la musicoterapia di gruppo può portare benefici psicologici, fisiologici e sociali alle persone con tetraplegia.

Qual era lo scopo dello studio?

Gli individui tetraplegici corrono un rischio maggiore di soffrire di isolamento e depressione. Il presente studio mirava a esaminare come possono reagire le persone con tetraplegia alle terapie musicali di gruppo. Tali terapie possono sortire qualche tipo di beneficio? Possono aiutare a prevenire l’insorgere di depressione e isolamento?

Come hanno proceduto i ricercatori?

I ricercatori hanno suddiviso i 24 partecipanti (con tetraplegia C4-C8) in due gruppi. Uno di questi è stato sottoposto per 12 settimane a musicoterapia di gruppo, che prevedeva canti di gruppo con tecniche di musicoterapia neurologica, esercizi di vocalizzazione e respiratori, canto di brani familiari e improvvisazione vocale. L’altro gruppo di partecipanti era invece esposto alla musicoterapia ricettiva, concentrandosi in particolare sull’apprezzamento musicale di gruppo, sulla condivisione e discussione di canzoni, su giochi musicali e sul rilassamento musicale assistito. Tutte le sessioni terapeutiche duravano un’ora.

Al fine di esaminare i dati sugli effetti delle terapie musicali, i partecipanti hanno ricevuto dei questionari prima e dopo lo svolgimento della terapia. I ricercatori hanno inoltre condotto a livello individuale delle interviste cosiddette semi-strutturate con 20 partecipanti (5 donne e 15 uomini) a terapia conclusa, con l’obiettivo di estrapolare informazioni generali circa l’esperienza della musicoterapia di gruppo. Le interviste comprendevano domande su quelli che secondo i partecipanti erano gli elementi più e meno apprezzati della terapia, sulla possibilità che questo trattamento possa aver cambiato il loro gradimento o la loro produzione musicale e sull’esperienza generale di partecipazione a un gruppo. I ricercatori hanno in seguito trascritto e analizzato tematicamente le interviste.

Che cosa hanno scoperto i ricercatori?

Gli esiti indicano che la musicoterapia di gruppo apporta ragguardevoli benefici psicologici, fisici e sociali ai partecipanti. Le sessioni di terapia hanno fornito ai partecipanti l’opportunità di reintegrarsi in una comunità e di sviluppare fiducia in se stessi e capacità sociali.

I partecipanti hanno rivelato di aver sviluppato un senso di gioia e conquista, accompagnato da un consolidamento della propria rete sociale e di amicizia. Hanno inoltre riferito di avere accresciuto il proprio livello di benessere e il senso di sicurezza all’interno di una comunità.

Che cosa significano questi risultati?

I ricercatori hanno dedotto che la partecipazione sociale alla musica, che si tratti di canto attivo o di ascolto attivo di musica, è una pratica accessibile, gradevole, benefica e incoraggiante per le persone con tetraplegia. Gli esiti di tale studio risultano particolarmente importanti alla luce dei futuri sforzi volti a rafforzare l’impegno all’interno di una collettività e prevenire ripercussioni negative sulla salute associate alla depressione e all’isolamento.

Chi ha condotto e finanziato lo studio?

Lo studio è stato condotto presso un grande ospedale pubblico di Melbourne, Australia. Tutti gli autori hanno lavorato presso l’università di Melbourne e due di loro hanno anche lavorato presso l’Institute for Breathing and Sleep (IT: Istituto per la respirazione e il sonno) di Austin Health a Melbourne. Lo studio è stato finanziato grazie a una sovvenzione elargita dalla Victorian Neurotrauma Initiative di Geelong, nello stato di Victoria, in Australia.

[traduzione del post originale in inglese]

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Valuta questo post

Forum
Risposte più recenti
331 SISSI
Crema \ Olio per massaggio alla schiena gambe
Grazie mille per i consigli proverò sicuramente adesso ho preso Xémose ( uriage ) ma proverò sicuramente acnhe quelli che consigliati da...
6 SISSI 31-05-2020
1715 Luciafusco
Scarlett Von Wollenmann... storia di una donna speciale
Thank you...but Scarlett Von Wollenmann is a very special special woman😍
7 Luciafusco 22-01-2020
Buon Natale e felice anno nuovo a tutti
Felice anno nuovo a tutti. Con salute e amore 😘 Carken 
1 carken 01-01-2020
1052 carken
Scattola per pillole (foto)
Hai ragione carken, la differenza a volte sta nei dettagli. Se possibile è sempre meglio vedere e provare a usare il prodotto...
3 claudia.zanini 11-12-2019
Scarlett: la mia battaglia per rinascere
Ciao carissimo/a Lucymail75  Benvenuto/a nella nostra garndiosa Familia della Comunity Paraplegici Online. !  Bello evrti qua.! Grazie...
1 Francescolife 11-12-2019
Chiedi all’esperto
Risposte più recenti

Blog
Blog più recenti
Chef in carrozzine: ecco alcune storie di successi
Anche se la disabilità vuole la sua parte, è l’ambizione a farla da padrone
0
lorenzo.deluigi 15-07-2020 In News
Make to Care, un contest volto all'innovazione
Quale di questi quattro progetti innovativi vi convince di più?
0
kitwan 02-07-2020 In Società
“Il Trono di Spine” delle persone in carrozzina
La lotta per lo spazio personale, la sicurezza e l’indipendenza
0
Wiki
I più letti
Lesioni del midollo spinale e conseguenze
Lesioni causate da infortunio A seguito di una lesione, nei segmenti mobili vi sono vari elementi che reagiscono in modo differenziato: le strutture ossee e le strutture legamentose. Si distinguono tre principali tipi di fratture ossee della...
Dolori cronici
Definizione di dolore Il dolore è una sensazione complessa, assimilabile a una percezione. Il dolore è sempre soggettivo e non è misurabile, dimostrabile o confutabile. Sin dagli anni Settanta L'Associazione internazionale per lo studio del dolore...
Espettorazione e rimozione delle secrezioni
Espettorare le secrezioni è fondamentale al fine di respirare liberamente. La tosse costituisce un riflesso difensivo volto a ripulire le vie aeree, sicché il muco possa essere rimosso ed espulso dal tratto respiratorio. Per tossire è necessaria...

La nostra Community
Temi più recenti
30-07-2020 In Attuali
Giro Suisse - Un evento in handbike per i 40 anni dell'ASP
Sono trascorsi 40 anni dal lontano 27 aprile 1980, data di fondazione dell’Associazione svizzera dei paraplegici (ASP), che si propone di sostenere a vita le persone con una para o tetraplegia....
0
20-07-2020 In Attuali
Telemedicina: un'opportunità?
Telemedicina. Se ne parla da anni. Ma è una realtà in Svizzera? Alcune compagnie di assicurazione offrono da tempo consulenze telefoniche o online, ma cosa succede negli ambulatori medici? Sembra...
0
17-07-2020 In Attuali
Mascherine gratuite per pazienti para/tetraplegici a rischio
Le persone tetraplegiche e le persone paraplegiche anziane o che soffrono di altre malattie sono particolarmente a rischio di complicazioni nel caso si ammalassero di Covid-19. Per questo motivo,...
0

Contatto

Ricerca svizzera per paraplegici
Guido A. Zäch Strasse 4
6207 Nottwil
Svizzera

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
T 0800 727 236 (dalla Svizzera, gratuito)
T +41 41 939 65 55 (da altri paesi, a pagamento)

Diventa parte della Community, iscriviti ora!