Stephan Gmür, consulente di viaggio in carrozzina, dà suggerimenti ai viaggiatori, testa le offerte e offre consulenza all’industria del turismo in Engadina

Le vacanze e le attività nel tempo libero richiedono solitamente una preparazione più meticolosa per le persone in carrozzina, soprattutto quando ci si reca in regioni sconosciute. Dove è possibile utilizzare una toilette? Il ristorante dispone di rampe di accesso? E la piscina dell’hotel è accessibile anche con mobilità ridotta?

Le persone in carrozzina sono in grado di giudicare meglio queste situazioni e conoscono per esperienza le incognite da accertare. Stephan Gmür lavora da sette anni come gestore di prodotti per l’accessibilità presso la Tourismus Engadin Scuol Samnaun Val Müstair AG nel bel mezzo di un terreno montano piuttosto impervio. “Vogliamo mostrare come le persone colpite possano godersi le vacanze in questo posto”, spiega Stephan, che si è rotto una vertebra lombare in un incidente di parapendio nel 2014 rimanendo paraplegico.

Un gruppo di persone sta camminando su un sentiero di ghiaia in campagna. Tra loro c’è Stephan Gmür sulla sua carrozzina.

Gita offroad: Stephan Gmür durante un’escursione con amici.

Per l’ex ristoratore e corridore di sci paralimpico, vivere in pianura per amore della semplicità non poteva mai essere un’opzione sul tavolo. Ora condivide la sua esperienza personale e i suoi trucchi con gli aspiranti visitatori in carrozzina, fornendo loro consulenza “alla pari”. È un servizio apprezzato e unico nel suo genere con cui la regione si sta facendo un nome, anche tra gli ospiti stranieri, come dimostra il diario di viaggio dello scrittore tedesco Kim Lumelius.

Tra i compiti di Gmür c’è anche quello di fornire consulenza agli operatori turistici, ad esempio per quanto riguarda le costruzioni senza barriere o le questioni relative alla mobilità, come l’acquisto di carrozzine per escursioni su tutti i terreni. “Offerte di questo genere stanno diventando sempre più importanti anche per le persone anziane che hanno perso stabilità in posizione eretta”.

Informare, misurare, creare

Informazioni dettagliate sull’accessibilità, sulle destinazioni di viaggio e di escursione, sugli hotel e sui negozi sono disponibili sul sito web di Engadina Turismo. Inoltre, Stephan Gmür collabora con fornitori di app e piattaforme come OK:GO, Pro Infirmis e Ginto.

Per persone diverse valgono ovviamente raccomandazioni diverse. Dove Stephan Gmür riesce a passare con la sua carrozzina larga 59 centimetri, altri rimangono bloccati. Tuttavia, l’attuale norma SIA sull’accessibilità non tiene conto di questo aspetto, per cui le specifiche spesso non sono sufficientemente articolate. Per questo motivo, l’anno scorso l’ente turistico, in collaborazione con il parco naturale, ha provveduto a effettuare misurazioni di tutti i musei, degli hotel e dei ristoranti della Val Müstair e ha reso accessibili i dati tramite l’app Ginto.

Un sentiero lastricato in ripida salita tra le tipiche case engadinesi.

Quanto sono accessibili villaggi come Santa Maria in Val Müstair alle persone in carrozzina o con altre limitazioni motorie? L’app Ginto può aiutarvi.

Anche Stephan Gmür effettua regolarmente queste misurazioni in Engadina. Oltre a registrare un’ampia varietà di dati - come lo spazio accanto a un letto d’albergo, la pendenza di un sentiero o lo spazio di manovra in una toilette - le sue visite servono anche a sensibilizzare l’opinione pubblica: “È importante che gli albergatori, i ristoratori e gli operatori del trasporto pubblico capiscano perché qualcosa è accessibile o meno e i passi che si possono intraprendere per migliorare l’accessibilità”.

«Grazie a misure e a dati precisi, ognuno può decidere da solo se una pendenza è percorribile in carrozzina o se un passaggio è sufficientemente largo.»

Stephan Gmür, consulente per l’accessibilità presso Engadina Turismo

Quest’anno, nella mezza stagione che precede l’inverno, i responsabili vogliono misurare anche tutti gli edifici e le attrazioni più importanti del resto dell’Engadina. L’iniziativa fa parte della strategia turistica volta a posizionare la regione come oasi di salute e benessere.

Naturalmente, tutte queste misure richiedono tempo e impegno, non da ultimo per Stephan Gmür: “Poiché la mia capacità di fornire consulenza alle persone interessate era a volte al limite”, dice, “ho preso l’iniziativa di formare il nostro personale di servizio agli ospiti”.

L’app Ginto conta ormai duemila utenti

Avere a disposizione dati e conoscenze sulla situazione sul campo è indispensabile per le persone con disabilità motorie. Julian Heeb, che utilizza una carrozzina elettrica, lo sa fin troppo bene. Originario della Svizzera orientale, ha inventato l’app “Ginto” e continua a gestire e sviluppare la piattaforma con l’associazione AccessibilityGuide, che ha fondato appositamente per questo scopo. “Oggi il nostro database è utilizzato da alcune migliaia di persone”, afferma.

Quattro display per smartphone mostrano le funzioni dell’app Ginto e una pagina per la raccolta dei dati.

Tutti possono partecipare: misurare, raccogliere dati, metterli online. L’applicazione Ginto è aperta a chiunque abbia bisogno o voglia di condividere informazioni.

La collaborazione con organizzazioni come Pro Infirmis e OK:GO o a campagne di misurazione come quella in Engadina ha permesso di raccogliere finora molti dati. “Città come Zurigo, Basilea e Berna in particolare sono ora documentate in modo dettagliato”, spiega Julian Heeb. Le cose stanno andando bene anche nella Svizzera orientale, dove il progetto è appena iniziato, mentre va un po’ a rilento nella Svizzera francese e in Ticino.

Oltre a raccogliere più dati e mappare più regioni, in futuro l’obiettivo sarà anche quello di creare un’ampia fiducia. “Raggiungiamo questo obiettivo soprattutto attraverso dati corretti e informazioni affidabili”.

«Ci vorrà un enorme sforzo in termini di persone e di denaro per poter offrire un giorno il nostro progetto a livello nazionale.»

Julian Heeb, Entwickler der Ginto-App

Foto ritratto di Julian Heeb.

Julian Heeb ha sviluppato l’idea per l’app Ginto.

Un progetto Innotour della fondazione Claire & George dimostra che un’attenta gestione delle informazioni sull’accessibilità può portare a un aumento delle destinazioni di viaggio: insieme alle regioni turistiche di Ascona-Locarno/Ticino, Interlaken, Biel-Seeland, Davos Klosters e il Cantone di Vaud con le regioni di Morges e Pays-d’Enhaut, all’inizio del 2022 sono stati lanciati dodici tour giornalieri senza barriere. A distanza di soli sei mesi, il risultato è che le persone con disabilità hanno iniziato a pianificare più spesso le vacanze in queste regioni: le prenotazioni sono aumentate in media del 10%.

Un nuovo “Tinder per gli hobby”

Rimane ancora molto da fare per quanto riguarda l’accessibilità e la fornitura dei dati corrispondenti. E le idee sono tutt’altro che esaurite. L’esperto di turismo Stephan Gmür, ad esempio, si impegna per l’inclusione invece che per la semplice integrazione e spiega: “Se oggi voglio andare in bicicletta con la mia ragazza, che non ha problemi a camminare, prima cerchiamo dei bei percorsi ciclabili in un’app per gli sport all’aria aperta”. Ma se vuole sapere se il tour scelto è adatto anche a lui, deve cercare le informazioni altrove.

Il suo obiettivo: un’unica app per tutti e per tutto. La start-up MountOn, con sede a Lucerna, sta per lanciare una piattaforma di questo tipo, chiamata SamePassion. Anche Stephan Gmür è coinvolto nella sua costruzione. Ecco come dovrebbe funzionare:

Cinquanta persone hanno già testato il progetto pilota e il giornale 20 minuti ha definito l’app come «Tinder per i tuoi hobby». L’obiettivo è di andare online quest’anno. “In questo modo, le persone con disabilità non dovranno più cercare faticosamente le informazioni necessarie sull’accessibilità”.

L’app SamePassion visualizzata sul display di uno smartphone.

Trovare persone con gli stessi interessi e fare qualcosa insieme: l’applicazione inclusiva SamePassion sarà online quest’anno.

Quali app o piattaforme consigliate per pianificare le ferie o altre attività?

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.
Sii il primo a commentare!

Valuta questo post