… dalla nostra autrice ticinese Rebecca

Non siete mai stati nella “Sonnenstube” tanto amata dagli svizzeri tedeschi? Allora è arrivato il momento di darvi qualche suggerimento su cosa potreste visitare in un weekend in Ticino. Vi propongo tre attività che trovo particolarmente belle. Spero che dopo averlo letto, avrete voglia di partire verso sud 😊

Camelia

Parco delle camelie a Locarno

Costo: gratuito

Orari:

  • 1 marzo – 30 settembre: 09:00 – 18:00
  • 1 ottobre – 28 febbraio: 09:00 – 16:45

Questo parco è stato aperto nel 2005 dopo lo svolgimento del Congresso mondiale dell’International Camellia Society (ICS) proprio a Locarno. Fin da subito ha riscosso un grande successo grazie anche alle numerose specie presenti che si posso ammirare durante tutto l’anno.

I visitatori possono godersi la bellezza di questi fiori accompagnati dal canto degli uccelli in un percorso che ricorda un labirinto dato dalla particolare posizione delle aiuole, trovandosi così in un ambiente di tranquillità e colori.

Questo parco ha ottenuto due importanti riconoscimenti tra cui il premio “Garden of Excellence” dell’ICS ed è entrato a fare parte della rete dei “Gardens of Switzerland”. Il parco è pianeggiante e pertanto facilmente accessibile in carrozzina.

Per ulteriori informazioni visitate il sito internet: https://www.ascona-locarno.com/it/Cosa-fare/Eventi/camelie

Ascona

Giro Lungolago Ascona

Durata: ca.1 h 35 min

Costo: gratuito

Il fascino meridionale rende Ascona una meta molto ambita, soprattutto dagli svizzeri tedeschi. Spesso viene definita come la “perla del lago Maggiore” e pertanto non potevo non inserirla 😉

Il percorso proposto rientra nella lista “Sentieri senza barriere” di SvizzeraMobile. Inizia nel centro storico e si snoda in esso per concludersi dopo aver costeggiato tutto il lungolago ed aver assaporato il tepore del meridione e il paesaggio da cartolina.

Il giro completo è lungo 7 km e non presenta particolari ostacoli e per questa ragione viene considerato di “facile” accesso per persone con sedia a rotelle. Questo sentiero richiede comunque una forma fisica “media” poiché la durata si aggira intorno all’ora e mezza. Nel caso in cui foste stanchi, o semplicemente avete voglia di godervi la splendida vista sul lago, potete rilassarvi godendovi un aperitivo in uno dei graziosi caffè.

LAC Lugano

LAC – Lugano Arte e Cultura

Costo e orari: variano a seconda dell’evento (spettacolo/mostra/concerto) – consultare il sito www.luganolac.ch

Aperto nel settembre 2015, il LAC Lugano Arte e Cultura è il più grande centro culturale del Ticino. L’offerta è ampia e include teatro, musica e arti visive. La sala concertistica e teatrale può ospitare fino a 1000 persone. È la sede principale delle maggiori istituzioni che operano sul territorio: LuganoInScena, LuganoMusica, la Compagnia Finzi Pasca e l’Orchestra della Svizzera italiana (OSI).

Sempre all’interno della stessa struttura potete trovare il Museo d’Arte della Svizzera italiana (MASILugano). I tre piani espositivi hanno una parte dedicata alla collezione permanente della città di Lugano e del Cantone Ticino oltre ad una parte occupata da mostre temporanee. Ed infine vi è il Teatrostudio dedicato agli spettacoli più piccoli.

Il LAC, puntando sulla qualità e varietà dell’offerta, si prefigge di promuovere le diverse arti diffondendo la cultura ad un pubblico vasto e promiscuo.

Lugano

In un weekend in Ticino è possibile fare tutti e tre gli itinerari, diversi tra di loro, e in tutta calma. Personalmente mi è sempre piaciuta la tranquillità del Parco delle camelie e in seguito una bella serata di cultura.

Ovviamente oltre a quanto proposto, il Ticino vi offre molte altre opzioni che variano anche a dipendenza della stagione e dei vostri interessi. Ecco dei siti utili nei quali potrete trovare suggerimenti e ulteriori informazioni per programmare un soggiorno in Ticino:

Se avete qualche consiglio o esperienza personale nel Ticino da condividere, scrivetele nei commenti affinché gli altri utenti ne possano beneficiare 😊

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Valuta questo post