Ieri, il Centro svizzero per paraplegici (CSP) di Nottwil ha annunciato di sostenere la lotta della Svizzera contro la pandemia da COVID-19. In risposta all'appello del Canton Lucerna, nelle prossime due settimane, le palestre del CSP verranno trasformate in uno dei centri cantonali per pazienti COVID-19 con circa 200 posti letto. Il centro cantonale sarà separato dalle attività del CSP e sarà gestito dall'esercito e dalla protezione civile svizzeri. Inoltre, nella nuova ala nord del CSP verranno messi a disposizione per il trattamento di pazienti affetti da COVID-19 fino a 100 posti letto, tra cui un'unità di terapia intensiva e circa 30 stazioni di ventilazione.

Il Centro svizzero per paraplegici è una clinica specialistica privata riconosciuta a livello nazionale per le prime cure, il trattamento in fase acuta e la riabilitazione delle persone con lesione midollare. Pur ospitando il centro cantonale per pazienti COVID-19, il CSP continuerà a garantire ai pazienti para e tetraplegici un'assistenza di alta qualità come di consueto.

La salute di tutti i pazienti e del personale sanitario rimane la priorità assoluta del CSP. Attualmente il CSP non è più accessibile al pubblico e le visite dei pazienti non sono più consentite fino a nuovo avviso. Maggiori dettagli sulle nuove misure adottate dal CSP in relazione alla pandemia da COVID-19 sono disponibili qui: https://www.paraplegie.ch/it/attualita/informazioni-relative-al-coronavirus

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.
Sii il primo a commentare!

Valuta questo post