Talvolta è necessario un ausilio per pulire e liberare le vie nasali e faringee dalle secrezioni. In questi casi è opportuno procedere all’aspirazione per via nasale e ove necessario per via orale. Ciò risulta necessario in particolare qualora non sia possibile soffiarsi il naso in maniera adeguata o autonoma oppure quando non risulta possibile sciacquare la bocca.

Le stesse cannule tracheali sono sottoposte all’aspirazione almeno 2 – 3 volte al giorno per controllarne la pervietà e funzionalità, o addirittura più spesso nel caso in cui il muco non sia rimovibile. L’aspirazione è necessaria:

  • se la tosse è inefficace, al fine di smuovere le secrezioni dai polmoni;
  • per assicurarsi che la cannula tracheale sia libera da secrezioni;
  • quando si apre il cuff per rimuovere il muco accumulatosi al di sopra del cuff (cfr. Cap. 6.05);
  • qualora si sospetti l’aspirazione1 di corpi estranei nelle vie respiratorie durante l’ingestione o il rigurgito;
  • qualora sia udibile la presenza di muco.

L’aspirazione rappresenta una tecnica sgradevole. Le persone che eseguono questo intervento devono essere adeguatamente istruite, affinché non ci sia carenza di ossigeno (a causa di un’aspirazione troppo lunga), non si producano ferite alla mucosa o sanguinamenti (a causa di un risucchio troppo forte) o siano introdotti agenti patogeni (a causa di procedure igieniche inadeguate). Devono inoltre saper riconoscere i sintomi di una stimolazione del nervo vago (rallentamento della frequenza cardiaca sino ad anomalie ritmiche capaci di mettere a repentaglio la vita) che possono emergere durante una procedura di aspirazione.

I materiali necessari per l’aspirazione variano secondo la sua localizzazione. Oltre al dispositivo di aspirazione sono necessari:

  • per l’aspirazione dal naso
    • catetere flessibile / curvo di CH 10 o CH 12
    • gel lubrificante o anestetico
    • eventualmente unguento per il naso
  • per l’aspirazione dalla bocca
    • Yankauer2
    • catetere flessibile o antitraumatico3
  • per l’aspirazione tramite cannula / trachea
    • catetere atraumatico CH 12 o 14 (ProFlo)
    • eventualmente pulsossimetro (dispositivo per la misurazione della frequenza cardiaca e della saturazione d’ossigeno)
    • guanti sterili, mascherina igienica, eventualmente occhiali protettivi

16 170 06 Atemmanagement IT Seite 19

Svolgimento

Aspirazione dal naso

  • Introdurre il gel nel naso; qualora si utilizzi gel anestetizzante (gel alla Xylocaina), lasciarlo agire per 1 – 2 minuti;
  • applicare il gel sul catetere;
  • inserire il catetere nel naso senza attivare il risucchio;
  • aspirare con potenza di suzione a 200 mbar.

Aspirazione tramite cannula / trachea:

  • Attivare il risucchio e inserire il catetere (potenza di suzione 400 mbar);
  • eventualmente fluidificare le secrezioni.

Sostituzione

  • Un catetere da aspirazione è adoperabile al massimo 3 volte nell’arco dello stesso processo di aspirazione. Lo stesso catetere non deve essere mai utilizzato per l’aspirazione tracheale e quella dal naso / bocca.
  • I tubi, gli Yankauer così come la valvola di regolazione dell’aspirazione Fingertip devono essere sostituiti settimanalmente o laddove siano visibilmente sporchi.
  • Anche i contenitori d’acqua (adoperati per la pulizia dei tubi di suzione in seguito all’aspirazione) devono essere sostituiti una volta alla settimana o, per motivi d’igiene, anche prima. L’acqua deve essere sostituita quotidianamente.
  • L’eventuale adattamento delle misure igieniche in ambiente domestico è esaminabile caso per caso. Nelle cliniche e istituzioni sanitarie il processo deve tuttavia sempre avvenire in condizioni asettiche (utilizzando materiali sterilizzati, guanti protettivi ecc.).

1 introduzione di materiale nelle vie respiratorie

2 speciale catetere da aspirazione

3 dotato di estremità ideata per prevenire lesioni

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Valuta questo post