L’inalazione è una terapia standard indicata per il trattamento di patologie respiratorie acute o croniche. La terapia inalatoria consiste nell’inspirazione terapeutica di medicinali oppure l’inumidimento a fini terapeutici della mucosa respiratoria. Quest’ultima è volta a favorire il meccanismo di autodepurazione dei polmoni. In questo modo la secrezione viscosa può essere diluita e rimossa più facilmente. Un effetto secondario consiste in una migliore aerazione dei polmoni, poiché durante l’inalazione la respirazione si fa più consapevole e profonda.

È importante che la terapia sia eseguita correttamente, poiché altrimenti sussiste il rischio che i medicinali non raggiungano il sito dove dovrebbero agire. La maggior parte dei medicinali deve giungere in profondità nei polmoni, per poter agire a livello locale nei bronchi oppure essere assorbiti nel sangue attraverso gli alveoli.

Oltre alla tecnica inalatoria è fondamentale anche la grandezza delle gocce. Il semplice atto di inalazione di vapore acqueo (bagno alla camomilla, ecc.) è utile esclusivamente a inumidire le vie respiratorie superiori (cavità nasale e faringea). Le vie respiratorie più profonde, come la trachea o i bronchi, non vengono raggiunte.

Per l’inalazione in profondità sono disponibili nebulizzatori e inalatori-dosatori. Questi ultimi sono utilizzati esclusivamente per la somministrazione di farmaci. I sistemi di nebulizzazione invece contribuiscono anche a inumidire le vie respiratorie.

Per l’inalazione sono necessari un vaporizzatore e un kit per l’inalazione comprendente una mascherina o un boccaglio. In presenza di una cannula tracheale, è possibile montare il kit di inalazione direttamente al catetere mount1.

16 170 06 Atemmanagement IT Seite 07

16 170 06 Atemmanagement IT Seite 08

Come inalare correttamente?

  • Possibilmente in posizione seduta per garantire maggior beneficio ai polmoni.
  • Concentrarsi a respirare in modo profondo e rilassato.
  • Effettuare in seguito all’inalazione eventuali misure per la rimozione della secrezione (ad esempio espettorare tramite sostegno manuale o Cough Assist).
  • Prestare attenzione alla sequenza e al tempo tra le singole inalazioni, per non pregiudicarne l’effetto.

Quali medicinali vengono inalati?

  • Medicinali broncodilatatori
  • Medicinali antiinfiammatori (cortisone)
  • Medicinali espettoranti (secretolitici)
  • Antibiotici

{infobox}

Per l’inalazione tramite mascherina è necessario che questa sia indossata correttamente, altrimenti si rischia di irritare gli occhi o inalare in maniera scorretta il medicinale.

{/infobox}

Pulizia

Il kit per l’inalazione deve essere sciacquato dopo ogni utilizzo sotto acqua corrente. Deve essere conservato in luogo asciutto, ad esempio una borsa in cotone, e sostituito una volta alla settimana.

Dopo l’assunzione di preparati contenenti cortisone è opportuno sciacquare la bocca (ad esempio con un collutorio per la bocca o per la gola, mangiando qualcosa o lavandosi i denti), per eliminare i resti dei medicinali e prevenire una colonizzazione fungina nel cavo orale / faringeo.

1 prolungamento del tubo

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.
Sii il primo a commentare!

Valuta questo post