Un clic del mouse può cambiare una vita: gli ausili digitali restituiscono una fetta di libertà alle persone con tetraplegia come Cyrill Guyer

Il braccio e la mano sinistra sono appoggiati allo schienale della carrozzina elettrica. “Non ho più alcuna mobilità su questo lato”, spiega Cyrill Guyer, la cui quarta vertebra cervicale è rimasta frantumata in un incidente in moto nell’agosto 2003. Sul braccio destro, invece, i muscoli della spalla mantengono ancora una certa funzionalità e il movimento della mano è minimo. “Ogni piccolo movimento che faccia la differenza rende la mia vita un po’ meno pesante”, rivela Cyrill.

Aiutante digitale nella vita quotidiana

Cyrill Guyer ora vive e lavora nella comunità coabitativa di Dagmersellen (Lucerna) e necessita assistenza 24 ore su 24, ma non in modo permanente. Grazie agli ausili digitali, il quarantatreenne bernese è in grado di azionare e controllare autonomamente molte cose nel suo ambiente e nella sua stanza: porte e tapparelle, computer e telefono, impianto musicale e televisione. Negli ultimi anni gli smartphone hanno semplificato molte cose, ma ciò è possibile solo grazie a un adattamento individuale che tenga conto delle esigenze e delle capacità motorie dell’utente.

Sotto il bracciolo sinistro è nascosto un dispositivo intelligente chiamato HouseMate. Una scatoletta nera ne rappresenta il cuore, per così dire. In combinazione con l’applicazione ClicktoPhone, Cyrill Guyer è in grado di gestire tutti i dispositivi che possono essere controllati tramite segnali a infrarossi. Questo include il suo smartphone, e con esso innumerevoli app e assistenti digitali.

Raphael Knörr di Active Communication ha aiutato a configurare, testare e regolare il sistema. Per trovare i singoli elementi necessari per i progetti dei suoi clienti e farli funzionare, a volte ci vuole l’estro di un factotum: “Alla fine tutti i componenti devono essere coordinati e svolgere le funzioni desiderate dai clienti”.

Creare una casa che offra la massima indipendenza possibile: Cyrill Guyer e Raphael Knörr ne mostrano il funzionamento in questo video (in tedesco).

Un punto sulla fronte controlla il mouse

Cyrill Guyer si avvicina alla sua scrivania dove lo attendono due grandi schermi pronti per il lavoro. Prima dell’incidente, lavorava come carpentiere e aveva una formazione secondaria come metalmeccanico. Tuttavia, a causa dell’elevato grado di paralisi, era impossibile per lui tornare a svolgere un mestiere specializzato. “Per questo mi sono riqualificato e ho imparato a usare il CAD”, ovvero disegno e progettazione al computer di piani, immagini e soggetti vari.

Cyrill Guyer ha spostato la carrozzina elettrica davanti ai suoi schermi. Il braccio sinistro è appoggiato sullo schienale, mentre la mano destra aziona un joystick.

Due schermi, un mouse per la testa e tanta abilità: Cyrill Guyer disegna al computer piani e soggetti per le stampe tessili, seguendo interamente i desideri dei clienti.

La riqualificazione come progettatore di parti meccaniche lo ha catapultato nel mondo digitale, che oggi riesce a sfruttare al meglio nonostante tutte le limitazioni. A questo scopo, sulla sua fronte viene apposto un punto d’argento. Il cosiddetto head mouse, montato sopra il computer, percepisce questo punto come un sensore ottico e quando Cyrill muove la testa, si muove anche la freccia del mouse sullo schermo. “Non tutti i giorni funziona come dovrebbe”, ammette. A volte le vibrazioni del suo corpo hanno la meglio o gli spasmi causano movimenti indesiderati.

Il clic del mouse, a sua volta, viene effettuato con la mano destra e il joystick posizionato sulla carrozzina. “Quindi la coordinazione tra testa e braccio deve essere ben allenata”. Mentre parliamo si esercita, sfoglia con concentrazione varie cartelle, cerca un determinato file, apre un grafico e mostra come riesce a spostare abilmente le singole parti di un disegno.

Se Cyrill vuole scrivere un testo, l’ideale è farlo tramite una funzione di dettatura. Ma se la funzione di dettatura non risponde, come in questo momento, è possibile farlo anche cliccando sulle lettere di una tastiera: “Ma questo richiede pazienza”.

Cyrill sta modificando l’illustrazione di due unicorni colorati sullo schermo. Sopra lo schermo è possibile vedere la fotocamera collegata.

La telecamera sopra lo schermo riprende il puntino argentato che si trova sulla fronte e che funge da mouse.

La Active Communication dà una mano con le richieste AI

Affinché Cyrill possa configurare un computer, l’elettronica di intrattenimento o i dispositivi domestici, gli vengono in aiuto diversi ausili tecnici e strumenti sul mercato. Per collegarli tutti insieme, con il Bluetooth o gli infrarossi, attraverso varie interfacce e programmi, servono professionisti come Raphael Knörr che conoscono tutti i trucchi del mestiere.

È possibile accendere o spegnere dispositivi come le lampade da tavolo utilizzando semplici ricevitori di presa, spiega Knörr. “Ma i progetti più grandi a volte necessitano di adeguamenti strutturali”, come ad esempio gli apriporta elettronici o i sistemi di domotica per il controllo di plafoniere, tapparelle o finestre.

«Cosa renderebbe più facile il nostro lavoro? Interfacce che consentono il controllo tramite dispositivi speciali, come il controllo oculare.»

Raphael Knörr, consulente presso Active Communication

Il team di Active Communication assiste le persone colpite anche per le richieste relative al finanziamento di ausili tecnici (cfr. box informativo sotto). Di norma, viene presentata una domanda all’assicurazione per l’invalidità. Quest’ultima incarica quindi i periti competenti di effettuare i necessari accertamenti preliminari, che sfociano in una relazione comprendente una stima dei costi. Ciò comporta non solo l’acquisto di attrezzature o strumenti, ma anche la messa a punto e la formazione delle persone interessate.

Il corpo di Cyrill detta i limiti

Nel corso degli anni, Cyrill Guyer ha conosciuto diversi strumenti e ne ha sperimentato in prima persona lo sviluppo. “Dai dispositivi senza display passando dai monitor in bianco e nero per arrivare agli smartphone”. Nella sua carrozzina attuale, anche le funzioni sono ora integrate nei supporti per il collo.

L’esperto Knörr è convinto che lo sviluppo procederà rapidamente: “I controlli oculari e vocali miglioreranno notevolmente nei prossimi anni”. Egli stesso è alla ricerca di soluzioni nel settore dei videogiochi assistiti, poiché la domanda in questo segmento è in costante aumento. Ma poiché le capacità motorie dei clienti sono molto diverse, anche in questo caso non esiste una ricetta universale.

«Senza l’aiuto di esperti come Raphael Knörr, difficilmente potrei sfruttare tutti gli strumenti tecnici.»

Cyrill Guyer, tetraplegico

La mano destra di Cyrill aziona il joystick. Un piccolo display indica che la carrozzina e il computer sono collegati.

Cyrill Guyer può fare clic con il mouse sul computer tramite il joystick della sua carrozzina. I dispositivi sono collegati tramite Bluetooth.

Dopo la riqualificazione, Cyrill Guyer ha lavorato prima come designer per un ufficio di progettazione edilizia, poi per un’azienda specializzata in parchi giochi e impianti sportivi. Ma alla fine la sua produttività era troppo bassa per soddisfare le esigenze di quest’ultima. “Tutto va a rilento e non posso stare davanti al computer per sette ore al giorno”, spiega Cyrill. Il suo corpo gli pone dei limiti ben precisi. Ora lavora per lo studio interno, disegna soggetti per carte e stampe tessili, viene incontro alle esigenze dei singoli clienti. “Mi occupo personalmente di tutto il lavoro sul PC, dalla A alla Z”.

Controllo dell’ambiente - Adattamento del luogo di lavoro - Ausili per la comunicazione

Come posso utilizzare lo smartphone o il PC nonostante le limitazioni? Quali opzioni ho a disposizione per controllare luci, porte, tapparelle ed elettrodomestici a casa? Queste e altre domande possono essere discusse durante l’ora di consulenza con Martina Jost o Raphael Knörr presso il Campus di Nottwil.

Orari di consulenza: ogni dieci giorni di martedì o venerdì pomeriggio

Fissare un appuntamento: contattare l’unità di ergoterapia (041 939 51 54 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Martina Jost tiene in mano uno smartphone e spiega le applicazioni e le funzioni speciali a un paziente.

Mostrare, spiegare, testare: Martina Jost aiuta con competenza a rispondere alle domande sulla tecnologia e sui possibili usi degli ausili.

Come aiutano i mezzi ausiliari a facilitare la vostra realtà quotidiana e lavorativa?

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.
Sii il primo a commentare!

Valuta questo post